CioccoFest nel Belice

Venerdì 29 Marzo dalle 09:00 alle 21:00 Piazza Falcone e Borsellino, 91028 - Partanna

Dal 29 al 31 Marzo 2019 a Partanna si terrà l'evento denominato "Ciocco Fest nel Belice". 

    L’iniziativa prevede la partecipazione e la collaborazione del Consorzio Tutela Cioccolato di Modica, la cui storia si snoda lungo un unico filo conduttore ed unisce la Sicilia, ed in particolare la Contea di Modica, alla Spagna per trovare infine le sue radici nella meravigliosa civiltà degli Aztechi. All’iniziativa parteciperanno inoltre numerosi specialisti del cioccolato locali, e non solo, che all’interno dei loro stand offriranno gadget a prezzi speciali,  ovviamente a tema.

    Le postazioni dislocate lungo le vie del centro storico della cittadina ospitante rimarranno aperte al pubblico per l’intera giornata, dalle ore 8:30 alle 21:00. 

Dalle ore 9:00 alle 21:00 le scolaresche e chiunque sarà interessato a partecipare avranno la possibilità di assistere al laboratorio artigianale aperto al pubblico e alle scuole col principale scopo di promuovere la cultura del cioccolato nei vari aspetti che la riguardano. 

    L’occasione si pone tra i vari obiettivi quello di promuovere uno dei beni culturali più importanti della città, la Chiesa Madre, che dopo cinque anni di chiusura e un importante restauro è stata di recente riaperta al pubblico. 

La Chiesa Madre è tra i monumenti più rappresentativi di Partanna ed è stata parzialmente ricostruita dopo il terremoto. Fu progettata nel 1536 dal Barone Baldassarre Grifeo ma consacrata soltanto più di un secolo dopo, nel 1676. La notevole decorazione a stucco degli interni fu eseguita tra il 1692 e il 1729 da Vincenzo Messina con l’aiuto dei figli Giacomo e Giovanni. La facciata, un campanile e la copertura della navata centrale furono danneggiati durante il sisma del 1968 ma ricostruiti secondo il disegno originale. L'interno è a pianta basilicale, a tre navate, doppio transetto e un’abside molto originale con terminazione a pianta quadrangolare in corrispondenza della navata centrale e semicircolare ai due lati. Nel corpo presbiteriale si conservano tracce delle antiche colonne e dei capitelli. Le profonde cappelle che caratterizzano le navate laterali contengono pregevoli esempi di arte pittorica e scultorea siciliana realizzati fra il Cinquecento e l'Ottocento. L’organo della Chiesa Madre, ideato da Paolo Amato, è stato definito uno dei più belli della provincia di Trapani.

Si offre, altresì, l’opportunità di cogliere l’occasione per accedere gratuitamente al Castello Grifeo, sede del Museo Civico della Preistoria del Basso Belice e del museo etno antropologico.  Nelle sale del Castello, numerosi reperti archeologi risalenti al periodo del tardo- neolitico rinvenuti in contrada “Stretto” nel corso di importanti campagne di scavo autorizzate dalla Soprintendenza ai Beni Culturali e condotte dall’archeologo Sebastiano Tusa.  Notevole importanza riveste il cranio trapanato, custodito in una delle sale facenti parte dell’esposizione museale. 

All’interno della sala delle armi è possibile ammirare le opere d’arte di una pinacoteca che è stata allestita con opere pittoriche provenienti dalle chiese distrutte dall’evento sismico che nel ’68 ha colpito e devastato il territorio della città e di gran parte della Valle del Belice. Fra queste opere d'arte spicca la pala di altare della "Madonna del Rosario" dipinta da Simon di Wobreck nel 1585. 

    Il visitatore che si appresta ad effettuarne la visita potrà godere appieno della ricca collezione presente nel museo, effettuando un percorso guidato semplice e di chiara comprensione. 

    Interessante e coinvolgente risulta inoltre la visita del museo etno antropologico, all’interno del quale sono ubicati strumenti  della vita contadina, che permettono con l’ausilio di una guida di rivisitare usi e costumi di un tempo, nonché di conoscere in particolare usanze e mestieri ormai scomparsi ma che hanno caratterizzato per molto tempo i territori dell’agro belicino. 

Questa edizione si avvale di un’ulteriore attività prevista e proposta al fine di dare alla manifestazione una chiara impronta culturale. In particolare si coglie l’occasione nonché la disponibilità di usufruire dei locali del fortilizio per rivisitare usi e costumi propriamente medievali, per ripercorrere gli aspetti che hanno caratterizzato le dinamiche dell’incastellamento ed altri aspetti del periodo in questione in Sicilia. Si offrirà a tal punto l’opportunità di cogliere gli aspetti che riguardavano la quotidianità nel Medioevo, dalle tradizioni gastronomiche a quelle ludico ricreative. L’aspetto che maggiormente rende interessante l’iniziativa prevista è il coinvolgimento dei partecipanti, che avranno la possibilità di prendere parte attiva ai momenti previsti attraverso lo svolgimento di attività laboratoriali che mirano a favorire l’apprendimento, rendendo oltretutto piacevole un momento formativo. Attraverso video proiezioni e pannelli esplicativi i partecipanti verranno coinvolti in una visita guidata che consentirà di approfondire le conoscenze sulla Sicilia  a partire dall’età preistorica sino ai giorni nostri. 

Tutti coloro che intendono partecipare sia ai laboratori che alle visite guidate del Castello Grifeo dovranno prenotarsi almeno 15 giorni prima dalla data prevista per l’evento. 

Nel corso delle giornate previste per lo svolgimento dell’ evento, dalle ore 9:00 fino alle ore 21:00 la piazza Falcone e Borsellino sarà animata da vivaci giochi e stimolanti iniziative miranti al coinvolgimento di un pubblico di ogni età. Non mancheranno simpatiche gare di abilità, divertenti parate, spettacolari esibizioni, golosi allestimenti, musica dal vivo ad ogni angolo della strada. Inoltre si garantisce la preziosa presenza di un  mercato dell’home made e del riuso, che renderà l’idea di un centro commerciale en plain air grazie alla collaborazione di abili hobbisti e creativi, che con instancabile dedizione cureranno l’esposizione dei propri prodotti di artigianato.   L’evento ricreativo, unitamente a momenti didattico-culturali, è stato appositamente ideato in modo tale da poter proporre ai partecipanti un itinerario completo, originale ed efficace per la formazione dei ragazzi, associando inedite scoperte storico-culturali alla convivialità e all’educazione anche alimentare. 

Lo scopo della sezione "Eventi" de ilBelice.it è quello di fornire un elenco il più completo possibile degli eventi in programma nella Valle del Belice e nelle zone limitrofe.
IlBelice.it declina ogni responsabilità riguardante il contenuto degli eventi e viene, inoltre, sollevata da qualsiasi responsabilità, sia diretta che indiretta, riguardo la veridicità, provenienza, qualità e puntualità degli annunci pubblicati.
Si consiglia quindi di verificare date, orari e tutte le informazioni sugli eventi pubblicati contattando direttamente gli organizzatori o i referenti degli stessi, ove presenti.
È possibile segnalare gli eventi, così come eventuali errori, imprecisioni e cambiamenti di programma inviando una mail a eventi@ilbelice.it.
Qualora dovessero essere segnalati degli errori, si provvederà a correggerli.
Buon divertimento!